Le Vostre Catture

  • Alessandro Suriano
    22/10/2013

    Erano e sono giorni che gli stavo addosso, in questi periodi dalle mie parti si fanno vedere in gran numero.Ovviamente come tutti i pesci si sta evolvendo.Qualche anno fà quando le cercavo per primo sulle scogliere, si avvicinavano molto e spesso a spinning da terra si ottenevano risultati importanti.Con il passare del tempo e l'aumento dei pescatori, i pesci si stanno spostando, parlando sempre di pesca da terra ,le giornate, ma avvolte sono veramente solo attimi in cui arrivano a tiro di canna, non permettono un'azione di pesca mirata, sconfortando anche i più accaniti.... Da qui la necessità del mezzo nautico, non solo per la cattura in se , ma anche per allontanarsi da tutti quei pescatori tra vivo e spinner che tutto hanno tranne che lo spirito di ricerca e voglia...ormai in molti, sono solo acciuffatori di pesci senza una vera passione dietro....Questo preambolo perchè, perchè è vero che ho preso un bellissimo pesce che tra l'altro è stato liberato, ma per come sono io, è stato un pò troppo semplice, nel senso che dal gommone il tutto si è "ovattato".Avrei preferito una della metà ma dai scogli, solo che per i motivi sopra elencati non ci vado per scelta, non ho paura di imbiancare anzi, ho passato mesi sensa prendere una sola botta, ma non mi và di condividere una passione a cui tengo molto a personaggi del genere. Sono giorni che ci sono copiose e le taglie di quest'anno variano dai 5/7kg alle over 28/30kgdecido di dedicare una giornata al "vecchio" caro spinning, quello che mi diverte, quello pesante, quello che molti anni fà, mi fece passare 6 mesi consecutivi, tutte le mattine per 2/3 ore sui scogli a lanciare solo popper e wtd alla ricerca di loro le Leccie Amia.la giornata inizia con qualche inseguimento da cardiopalma ma nulla di più, dopo il passare del tempo mi rendo conto che su quel tratto inizio a essere invasivo e mi sposto di circa un miglio per vedere se qualche cosa cambia..da qui la sorpresa, decido di provare uno stick della bertox, non troppo pesante ed enorme , solo 12cm per 45gprimo lancio , secondo lancio e dietro la mia esca la classica onda anomala di un pesce grosso e aggressivo. rallento un pò.... riparto .... e sento pesante ferro ....cilecco rinizio il recupero col cuore in gola e lei torna più "incazzata" di prima e si avventa sull' esca....riferro una, due volte e lei fa cantare la frizione del saragosa 10000....sono rilassato ora l'ho ferrata mi sistemo, stringo mano a mano la frizione, e mi imposto per il combattimento.La canna ,una xzoga 7523, non teme un pesce del genere, si piega.... mi asseconda e asseconda il pesce che sopratutto alla picca la mette a dura prova.Il combattimento è sempre emozionante e vedere il pesce aggallare 2/3 volte prima a 50 poi a 30metri da me mi fa sempre emozionare tantissimo....Dopo un divertente combattimento tra tira e molla la porto a fianco del gommone, la isso a bordo...foto al volo con l'autoscatto e via dinuovo libera di nuotare... Non sono un sostenitore del c&r ma ci sono giorni che trattengo il pesce altri, in casi particolari, che li libero...questa leccia l'ho cercata proprio per ritornare a qualche anno fà, a quando avevo tanta voglia di imparare e di fare . E a quando un pesce del genere mi faceva tremare le gambe e guardavo la foto per ore e per diversi giorni me la sognavo ancora...ecco, lei mi ha riportato a quei tempi e l'unico modo che avevo per ringraziarla era di liberarla !!!grazie ancora alla mia amica Leccia...

    Condividi su facebook
    Condividi su twitter
    Condividi su delicious
    Condividi su oknotizie
[ VEDI TUTTE LE CATTURE ]